Il Pontefice

I Pontefici

Nella storia romana il pontefice era il sacerdote della Roma antica, quello che la tradizione ha voluto far istituire da Numa Pompilio; la sua funzione non era prettamente sacrale poichè non compiva riti religiosi bensì controllavano che essi venissero eseguiti secondo le regole.

Nell'antica Roma, dunque, il pontefice non era tanto un sacerdote ma un esperto che controllava la religione pubblica fornendo consulenza ai cittadini circa l'esecuzione dei riti privati. Il pontefice si prendeva cura della conservazione del calendario festivo e delle annotazioni dei fatti pubblici in specifici libri.

Navigare Facile

Erano molti coloro i quali aspiravano alla carica di pontefice poichè considerevole era la loro importanza politica: si pensi per esempio ad Augusto e a Cesere che furono entrambi pontefici massimi più per obiettivi politici che religiosi; fu solo Graziano a rifiutare questa carica perchè convinto che essa non fosse compatibile con la fede cristiana.

Food

Ma nel Cristianesimo il termine pontefice indicava i vescovi e, a partire dal quinto secolo, fu utilizzato per indicare il vescovo di Roma altrimenti detto Papa (sommo pontefice). Da questi periodo in avanti la figura del pontefice ha acquisito più rilievo godendo di un ampliamento dei suoi titoli e dei suoi compiti.

Il sommo pontefice era considerato il capo visibile della Chiesa con giurisdizione universale sulla gerarchia ecclesiastica e sui fedeli. Il pontefice divenne custode della dottrina cattolica e della fede e lo si riteneva dotato del dono dell'infallibilità in materia dogmatica.

Il messaggio della rivelazione e della tradizione religiosa poteva essere interpretato dall'unica fonte certa e sicura, quella del pontefice.